• Home
  • Ambiti di intervento
  • Disturbo ossessivo compulsivo

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è caratterizzato da pensieri, immagini o impulsi ricorrenti che provocano un vissuto di ansia e la sensazione di dover ripetere azioni o pensieri.

Le ossessioni sono pensieri, immagini o impulsi percepiti come intrusivi e incontrollabili. Tali idee sono sentite come disturbanti e solitamente giudicate come infondate o eccessive.

Le compulsioni sono comportamenti ripetitivi (come, ad esempio lavarsi, mettere in ordine, controllare che sia tutto a posto) o pensieri (come il contare o pregare) attuati al fine di limitare l’angoscia derivata dai pensieri ossessivi. Le compulsioni arrivano a essere dei rituali rigidi e spesso bizzarri agli occhi di chi osserva.

Sintomi del disturbo ossessivo compulsivo

I sintomi del disturbo ossessivo compulsivo sono molto eterogenei, e si diversificano in base alle credenze sottostanti che vanno a strutturare il disturbo, come, ad esempio:

  • credenze su imminenti disgrazie. La persona è convinta che si possa verificare un incidente improvviso e attua una serie ripetuta di azioni di controllo (aver chiuso il gas e l’acqua, aver spento le luci, non aver perso cose personali, aver chiuso le porte di casa), al fine di tranquillizzarsi di aver fatto il possibile per evitarlo,
  • credenze di poter perdere il controllo e lasciarsi andare a comportamenti sconvenienti, bizzarri o pericolosi,
  • credenze connesse a contaminazioni. La persona teme di essere contagiata da sostanze disgustose o pericolose, e mette in atto rituali protettivi al fine di tranquillizzarsi,
  • credenze sulla necessità che gli oggetti attorno a sé debbano essere in ordine, simmetrici e in armonia. La persona, per evitare una sensazione di disagio, s’impegna in una serie di attività di riordino e di allineamento degli oggetti dell’ambiente domestico e lavorativo,
  • credenze relative alla necessità di non buttare nulla, che portano la persona ad accumulare oggetti inutili o inservibili, per evitare il disagio che provano nel disfarsene.

Dott. Davide Tramonti
Psicologo e Psicoterapeuta a Ravenna

P.I. 2223880390

© 2020. «powered by Psicologi Italia». È severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.